Acufene: cos’è

L’acufene è un disturbo del sistema uditivo, in particolare della coclea, l’organo dedicato ad analizzare e codificare le onde sonore e trasformarle in impulsi elettrici. Si tratta infatti della sintonizzazione del rumore elettrico cocleare e può presentarsi in forme diverse che variano in tipologia, intensità e frequenza: un fischio, un soffio, un fruscio, un tintinnio, un ronzio.. un suono percepito soggettivamente, in assenza di uno stimolo acustico esterno.
L’acufene è un disturbo molto comune e può sparire e ricomparire. Può aumentare con l’età, in modo proporzionale alla perdita di alte frequenze sonore.
Quando la condizione è cronica, può incidere fortemente sulla concentrazione e sulla qualità della vita delle persone che ne soffrono. Tra le complicazioni associate agli acufeni ci possono essere depressione, ansia e disturbi del sonno.

Acufene: le cause

Le ragioni per cui insorge l’acufene non sono del tutto chiare e spesso la causa rimane sconosciuta. Possono essere di varia natura, legate a disturbi e patologie dell’orecchio oppure dipendere dall’esposizione a suoni ad alto volume, stress emotivo, problemi circolatori e cardiovascolari, contratture muscolari, tumori o danni neurologici.
Alcuni esempi:

  • Patologie dell’orecchio (cerume, otiti, corpi estranei, ipoacusia..)
  • Lesioni all’orecchio
  • Tappo di cerume
  • Accumulo di catarro
  • Difficoltà nella contrazione della muscolatura masticatoria
  • Traumi come ad esempio improvvisi cambi di pressione non adeguatamente compensati (in aereo o durante le immersioni subacquee) o anche in caso di volume d’ascolto troppo elevato
  • Assunzione di determinati farmaci (acufene ototossico)

Acufene: diagnosi

Per la diagnosi è necessario sottoporsi a una visita audiologica completa fatta da un audioprotesista o da un medico otorinolaringoiatra, in un centro acustico di fiducia o direttamente da uno specialista.
Al centro acustico Acusan la valutazione uditiva è gratuita.
Durante la visita viene sottoposto al paziente un questionario THI che serve per quantificare il livello di disagio che l’acufene comporta. La valutazione serve per identificare la frequenza su cui l’acufene lavora.    

Acufene: trattamenti e terapie

L’acufene purtroppo non può essere curato definitivamente. Ci sono però trattamenti e terapie che possono aiutare a ridurre i sintomi. Al centro acustico Acusan proponiamo la Zen Therapy di cui sono dotati gli apparecchi acustici Widex.
Di seguito alcuni trattamenti che si sono dimostrati efficaci:
Zen Therapy: al paziente ipoacusico che soffre di acufene, per correggere la perdita uditiva, viene affiancata una melodia prodotta dall’apparecchio acustico che indossa. Tale melodia stimola l’amigdala e favorisce il rilassamento.

Esercizi fisici di rilassamento che favoriscono una migliore circolazione sanguigna.

Rumore bianco: dispositivi che emettono suoni ambientali come il rumore della pioggia che cade, le onde dell’oceano, i suoni della natura.. che vengono utilizzati anche in casi di disturbi del sonno.

Sofrologia: la sofrologa francese, Dott.ssa Grévin, fondatrice del Polo Sofrologia e Acufeni di Parigi, di recente ha ideato un protocollo terapeutico che sembra dare buoni risultati: utilizza la componente cognitiva per comprendere meglio il sintomo, quella sensoriale ed emotiva per allontanare l’ansia e ritrovare la calma, e la componente comportamentale per diventare autonomi nella gestione di una crisi. Durante le sedute la persona raggiunge un stato di profondo rilassamento fisico e mentale rimanendo sempre cosciente.

La Stimolazione Magnetica Transcranica (TMS): un trattamento non invasivo che consiste nella stimolazione della corteccia cerebrale attraverso l’applicazione di un campo magnetico per indurre delle modificazioni nelle aree attivate dall’acufene.

Terapia di riqualificazione dell'acufene (TRT): la terapia lavora sulle connessioni funzionali tra il sistema uditivo, quello limbico e il sistema nervoso autonomo per ottenere l'assuefazione delle reazioni evocate dall'acufene e successivamente l'assuefazione della percezione.

Consigli utili:

  1. Non perdere tempo e prenotare una valutazione uditiva
  2. Consultare uno specialista in Acufene
  3. Pensare alla comparsa dei sintomi, in modo da intercettare una possibile causa
  4. Non ricorrere a cure fai da te e non fare esami inutili
  5. Ridurre stress e ansia

acusan anmic 

Dott. Ugo Marinoni
Centro Acustico AcuSan
Via Angelo Maj 11M - Bergamo
Tel. 035 235881
Email: acusanbg@gmail.com
Sito web: https://acusanbg.wixsite.com/centro-acustico

Il Centro Acustico AcuSan è:
• Convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale e con l'INAIL
• Collabora con il comune di Bergamo
• Collabora con l'associazione ANMIC per le pratiche di invalidità assistendo gratuitamente le persone nell'iter burocratico per la fornitura delle soluzioni uditive tramite il Servizio Sanitario Nazionale
• Referente dell'Associazione Bergamasca Acufeni
• Promuove attività di educazione sanitaria sul tema dell'ipoacusia e della riabilitazione neuro-uditiva

Salute in vetrina 
CONTENUTO ESCLUSIVO PER LA PUBBLICAZIONE WEB

Approfondimenti
Come viene fatto un test audiometrico e indicazioni per capire se si ha una perdita uditiva

Questo sito utilizza solo cookie tecnici per il funzionamento. Scegli "Chiudi" per accettare e proseguire