Questo sito utilizza cookie per il funzionamento e la raccolta di dati anonimi sulle visite. Scegli "Chiudi" per accettare e proseguire


60.000 sono le persone che ogni anno in Italia muoiono per arresto cardiaco (ACC). Non si tratta di persone malate e non ci sono segnali premonitori. Può succede per strada, a casa, al lavoro, nei luoghi pubblici, lontano quindi da ospedali e strutture sanitarie. In caso di arresto cardiaco ci sono solo pochi minuti per agire e salvare una vita: dopo un minuto le possibilità di sopravvivenza si abbassano del 10% e dopo cinque minuti del 50%.

«Davanti a questo tipo di emergenza ancora oggi in Italia sono moltissime le persone che non sanno come comportarsi o non hanno a portata di mano un DAE (Defibrillatore Semiautomatico Esterno)» dice Federico Pelicioli di Tecno System, azienda specializzata nell’assistenza e vendita di apparecchiature elettromedicali. «È soprattutto un problema di cultura, da anni mi batto in vari ambienti per fare capire quanto sia importante conoscere il problema, prima ancora di dotarsi del dispositivo».

La legge italiana prevede la presenza del DAE in vari contesti sportivi, lavorativi e pubblici, ma non possiamo dimenticare l’importanza dell’ambiente domestico che dovrebbe essere uno dei primi luoghi da cardioproteggere, specialmente in presenza di persone maggiormente a rischio. A questo proposito l’Associazione Cislago Cuore, in collaborazione con Tecno System, ha dato il via al progetto Condominio Sicuro che punta a promuovere la cultura della cardioprotezione.

«Il progetto si basa sul concetto di solidarietà tra condòmini e ha l’obiettivo di rendere la propria casa un luogo più sicuro per tutta la famiglia garantendo, all’interno dei condomini, la presenza di un defibrillatore. Il suo utilizzo è semplice e permetterà a chiunque seguirà un semplice corso BLSD
di diventare un anello fondamentale della “catena della sopravvivenza” e creare in questo modo una rete di soccorso integrata con il 112, numero unico AREU» spiega Pelicioli. Su ogni apparecchio DAE sono riportate chiaramente le semplici operazioni da fare. Essendo un apparecchio semiautomatico analizza l’attività cardiaca e quando il soccorritore preme il pulsante eroga la scarica solo se ci sono le condizioni. In poche parole una persona non addestrata non potrà mai nuocere all’infortunato utilizzando il DAE, mentre utilizzandolo può salvargli la vita.

Tecno System srl
Via Madreperla 12/B
Treviglio (BG)
Tel. 0363 301788
info@tecnosystemsrl.org
www.tecnosystemsrl.org