Qual è il ruolo delle Rsa, specie nel post-emergenza? Assicurare cure e assistenza promuovendo la miglior qualità di vita per ogni ospite. Ma, a oggi, sono ancora raggiungibili, questi obiettivi? «Sì, garantendo il massimo della sicurezza e uno stile di vita attivo, inclusivo, che comprenda attività quotidiane diversificate, terapie e spazi appositamente progettati in ambienti rivisti e riadattati» risponde Nicole Venturini, Responsabile di Struttura di Rsa Bramante di Pontida, parte del Gruppo Edos.

Come l’emergenza sanitaria ha cambiato le Rsa
L’emergenza sanitaria ha cambiato la quotidianità in Rsa, ma non l’impegno a garantire la massima qualità di vita agli ospiti. «Le Rsa si sono riorganizzate per diversificare il piano di attività che, ogni giorno, viene dedicato ai Senior: oggi ogni terapia - assistenziale, fisioterapica o ricreativa - è stata ripensata in chiave sicura, per offrire un programma stimolante, vario, sempre protetto» spiega Nicole Venturini.

Le Rsa del Gruppo Edos - che da anni si prende cura di anziani e categorie fragili - hanno continuato a promuovere uno stile di vita attivo all’interno di spazi ri-progettati ad hoc per la massima tutela di tutti: per esempio, le attività, prima svolte in grandi gruppi, ora sono in piccoli insiemi o in forma individuale, preferibilmente all’aperto se la stagione lo permette, sempre nel rispetto dei protocolli anti-Covid. «Il piano di attività si è poi arricchito di laboratori creativi, cognitivi, digitali e approcci non farmacologici: la quotidianità nelle strutture non ha perso il suo valore, ma ha anzi conquistato una dimensione sempre più umana e attenta».

La campagna vaccinale: la vita in Rsa riparte anche da qui
Non solo: tutte le Residenze del Gruppo presentano oltre il 95% di vaccinati tra ospiti e dipendenti tra i vaccinabili. «L’altissima adesione da parte del personale ci ha permesso di raggiungere in moltissimi casi una copertura che supera il 95% delle persone vaccinabili. Questo ci farà fare la differenza, andando anche a confermare quei dati che testimoniano come i casi Covid-19 siano crollati laddove il personale sanitario ha aderito alla campagna di vaccinazione» racconta il dottor Matteo Marastoni, responsabile di Governo Clinico del Gruppo. Così è stato possibile rimettere in campo quelle forme di socialità che aiutano nel profondo i Senior con ascolto, umanità e proposte per il recupero psico-fisico modulate sulle esigenze specifiche di ognuno. Passo dopo passo Musicoterapia, Ortoterapia, Green Therapy, Pet Therapy, Dog Company, attività artistiche e occupazionali quotidiane sono tornate finalmente a riempire le giornate, in forma rimodulata e sicura. «Inoltre con la Circolare Ministeriale dell’8 maggio, anche l’accoglienza di nuovi Ospiti in Rsa e le visite in presenza con i propri cari sono tornate possibili: questo grazie anche al lungo percorso di riorganizzazione interna portato avanti dalle Rsa, fatto di linee guida, protocolli, controlli assidui e accurati, utilizzo e fornitura costante di DPI, che ha permesso di garantire la massima sicurezza sotto ogni aspetto e la conseguente riapertura delle porte delle Rsa verso l’esterno» conclude il dottor Marastoni.

In provincia di Bergamo, il Gruppo Edos è a Pontida, con Rsa Bramante. Le indicazioni riportate sono a titolo generale e possono variare da Regione a Regione. 

RSA BRAMANTE
Via Gambirago 570
Pontida (BG)
www.edossrl.it
Numero verde 800 966 159

Questo sito utilizza cookie per il funzionamento e la raccolta di dati anonimi sulle visite. Scegli "Chiudi" per accettare e proseguire