Molto spesso capita di andare in farmacia, chiedere un farmaco e sentirsi rispondere: “serve la ricetta”. Questa frase è una delle più pronunciate ogni giorno nelle farmacie italiane e genera spesso discussioni e proteste con la clientela. Vediamo di fare un po’ di chiarezza insieme al dottor Ernesto De Amici, presidente dell’Ordine dei Farmacisti di Bergamo. «La ricetta medica è l’autorizzazione scritta del medico a disporre la consegna al paziente del medicinale da parte del farmacista, il quale in deroga alla disciplina ordinaria sul libero commercio, è il solo autorizzato a effettuarla» spiega il dottor De Amici. «La ricetta costituisce uno strumento di tutela della salute del cittadino. A questo scopo è soggetta a discipline che sono diverse in funzione della pericolosità dei medicinali prescritti. I criteri utilizzati per stabilire il regime legale di dispensazione sono: caratteristiche del principio attivo, indicazione terapeutica, dosaggio, via di somministrazione».

Per quali categorie di medicinali è obbligatoria la ricetta?

La legge stabilisce (art. 88, D.Lvo 219/06) che i medicinali siano soggetti a prescrizione medica quando:

> possono presentare un pericolo, direttamente o indirettamente, anche in condizioni di normale utilizzazione, se sono usati senza controllo medico;

> sono utilizzati spesso e in larghissima misura, in condizioni anormali di utilizzazione, con conseguenti rischi per la salute;

> contengono sostanze o preparazioni di sostanze, di cui non sono ancora stati sufficientemente approfonditi l’attività o gli effetti secondari;

> sono destinanti a essere somministrati per via parenterale, salvo le eccezioni stabilite.

Il Ministero dell’Interno ogni cinque anni rivede e pubblica la Farmacopea Ufficiale. A questa è allegato l’elenco dei prodotti che il farmacista non può vendere se non in seguito a presentazione di ricetta medica, anche quando detti prodotti fanno parte di medicamenti composti o di specialità medicinali.

Quanto dura la prescrizione?
La ricetta ripetibile in genere è valida sei mesi, salvo diversa indicazione del medico; scende a 30 giorni per i medicinali contenenti stupefacenti (come tranquillanti, sonniferi etc.). Se viene prescritta una sola confezione di farmaco si può riutilizzare per dieci volte (cioè per dieci confezioni), salvo diversa indicazione del medico; nel caso di medicinali contenenti stupefacenti invece la ripetibilità è limitata a tre confezioni. Se viene indicato un numero di confezioni superiore all’unità si esclude la ripetibilità e diventa non ripetibile.

La ricetta non ripetibile in quali casi viene utilizzata?
La ricetta non ripetibile o da rinnovare volta per volta è obbligatoria per tutti quei medicamenti con rischi potenziali di tossicità acuta e cronica o di assuefazione e tolleranza, con conseguente possibilità di abuso da parte del paziente, o che comunque possono comportare rischi particolarmente elevati per la salute. La ricetta non ripetibile ha validità di 30 giorni dalla data di compilazione e può essere presentata per la spedizione una sola volta. Da questo breve excursus su quello che è l’aspetto normativo della prescrizione medica emerge chiaramente che il farmacista che rifiuta di vendere un farmaco in assenza della ricetta non lo fa perché “ha buon tempo”: sta andando contro il suo interesse economico in nome del superiore interesse della salute di chi ha di fronte. Perché, non dimentichiamolo mai, l’unico professionista tecnico del farmaco è il farmacista che, in virtù degli anni di studio, conosce i rischi potenziali legati all’uso non controllato di questo bene etico e non commerciale che chiamiamo “medicina“.

A cura di Giulia Sammarco
con la collaborazione del Dott. Ernesto De Amici
Farmacista
Presidente dell’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Bergamo

 

Questo sito utilizza solo cookie tecnici per il funzionamento. Scegli "Chiudi" per accettare e proseguire