«La diffusione delle tecnologie digitali negli studi dentistici sta modificando il modo di approcciarsi ai pazienti e pianificare i trattamenti. Per questo nel nostro studio abbiamo deciso di dotarci di uno scanner intraorale. Questo strumento, accolto con sorpresa dai nostri pazienti, è stato subito apprezzato per i vantaggi che offre. L’introduzione dello scanner intraorale nel nostro studio segna un passaggio fondamentale tra le metodiche più manuali finora utilizzate e un sistema innovativo sempre più tecnologico. Questo segna simbolicamente un passaggio di consegne tra due generazioni, tra mio padre e me». Chi parla è il dottor Federico Previtali, odontoiatra dello Studio Dentistico Previtali. Lo abbiamo incontrato per conoscere meglio questa tecnologia.

Dottor Previtali, che cos’è lo scanner intraorale?
È un sistema di misurazione tridimensionale che cattura immagini reali delle strutture anatomiche del cavo orale e le analizza nel mondo digitale. Permette di rilevare impronte dentali digitali senza l’uso di materiali in pasta. Un terminale proietta un fascio di luce sugli elementi dentari e cattura una serie di immagini, che vengono acquisite da un software che ricostruisce in tempo reale un modello 3D virtuale. Il modello viene inviato al laboratorio che, con un software di progettazione, invia le informazioni ad appositi macchinari che realizzano i manufatti in zirconia, ceramica, resina o metalli. È possibile anche realizzare una stampa 3D dei modelli (modelli stereolitografici).

Quali sono i campi di applicazione?
Si può usare in quasi tutti i casi che richiedono un’impronta: case study protesici o ortodontici, realizzazione di corone o ponti su denti o su impianti, riabilitazione di arcate con denti naturali o impianti, realizzazione di apparecchi ortodontici e bite. È possibile utilizzarlo anche per riabilitazioni con protesi removibili.

Che vantaggi offre l’uso di questo strumento?
Molto apprezzato è il comfort rispetto alle impronte tradizionali, evitando l’uso dei materiali in pasta che possono essere fastidiosi. Il numero di sedute è ridotto, soprattutto in riabilitazioni complesse, e i tempi di realizzazione del manufatto sono più rapidi grazie all’invio immediato delle immagini. I materiali in pasta sono soggetti a deformazione, mentre lo scanner acquisisce informazioni molto precise e dettagliate su forma, dimensione e posizione delle arcate, dei denti e dei tessuti molli, e sui contatti occlusali statici e dinamici tra denti superiori e inferiori, con una maggiore qualità dell’impronta. Si valuta immediatamente la qualità dell’impronta, visualizzando le immagini; in casi di preparazioni per corone protesiche, il software rileva eventuali imperfezioni che possono essere corrette e nuovamente acquisite con lo scanner. Il tempo di acquisizione di un’arcata è di circa un minuto; è possibile anche eseguire impronte parziali scansionando solo la zona interessata. Il paziente viene maggiormente coinvolto nelle fasi del lavoro, potendo visualizzare direttamente le immagini della propria bocca. Le immagini vengono conservate nel software e possono essere visualizzate in qualunque momento. 

Studio dentistico Previtali
Via Broseta 112 B
24128 Bergamo
Tel. 0352650712-3486520243
info@studiodentisticoprevitali.it
www.studiodentisticoprevitali.it

 

Questo sito utilizza cookie per il funzionamento e la raccolta di dati anonimi sulle visite. Scegli "Chiudi" per accettare e proseguire