Feng Shui. Come arredare la casa e aumentare il benessere

feng shui

 


Sapevate che la scelta dei colori in casa, l’organizzazione delle le stanze, la disposizione dell’arredamento possono influenzare il benessere di chi ci vive? Proprio così, almeno secondo il Feng Shui, antica disciplina orientale, che si occupa di trovare un equilibrio tra l’uomo e l’ambiente. «La casa deve assolvere certamente a esigenze molto concrete di protezione e riparo, per questo ne ricerchiamo l’armonizzazione di aspetti funzionali, estetici, salubrità di aria e comfort acustico» osserva Simona Mitelli architetto esperto in Feng Shui. «Ma la casa non risponde solo a queste esigenze: non tutti sanno che l’abitazione, proprio per le sue caratteristiche architettoniche, di orientamento e per il suo posizionamento all’interno di un determinato contesto urbano, influisce sul nostro ben-essere o mal-essere da un punto di vista psico-fisico e sulla qualità dei diversi aspetti della nostra vita, come le finanze, le relazioni con i familiari, con i vicini, i datori di lavoro, gli amici, i collaboratori ma può influenzare anche la carriera, il lavoro, la salute e molto, molto altro. L’abitazione può esaltare o indebolire il ben-essere e saper leggere come sta agendo o come agirà è fondamentale per fare scelte consapevoli e coerenti in ambito non solo progettuale ma anche di ristrutturazione o semplicemente quando vogliamo apportare delle migliorie, come spostare qualche mobile, ritinteggiare i locali o dare una ventata di cambiamento più o meno impegnativa».

Che cosa è in Feng Shui e come è nato?
Letteralmente “Feng” significa vento, mentre “Shui” acqua. Simbolicamente l’acqua rappresenta la quiete e il riposo mentre il vento è collegato ai simboli del movimento e dell’energia. Il Feng Shui nasce dall’osservazione della natura e dal rapporto che l’uomo instaura con essa e parte dal presupposto che tutto è energia e tutto è connesso. Questo significa che l’uomo in quanto essere complesso (spirito-mente-corpo) è sottilmente legato, da un flusso di energie invisibili, all’ambiente in cui vive. Detto in parole povere quest’antica disciplina ci consente di leggere e codificare ciò che ci circonda, un po’ come fanno la riflessologia plantare, l’iridologia o altre discipline olistiche. Il Feng Shui può essere quindi paragonato alla riflessologia del corpo-casa e di conseguenza possiamo individuare sul corpo-casa dei punti riflessi che si ripercuotono su più ambiti: dalla vita ai componenti della famiglia alle parti del corpo. Lo spazio in cui viviamo è caratterizzato da un insieme di elementi naturali e costruiti che hanno tutti quanti delle connotazioni ben precise, date principalmente dalle loro forme, dimensioni, colori, consistenza materica e anche dalla posizione che occupano nello spazio in cui si trovano. Questo cosa significa? Che le case, i luoghi di lavoro, i luoghi dello svago, ma in generale tutti gli spazi chiusi o aperti con cui entriamo quotidianamente e inevitabilmente in relazione, ci rimandano delle continue, impercettibili e sottilissime vibrazioni che determinano, a lungo andare, il nostro ben-essere o mal-essere, non solo fisico, ma anche psico-emotivo.

Perché il Feng Shui dopo millenni è ancora attuale? Quali campi di applicazione può trovare?
Il Feng Shui, pur essendo una disciplina molto antica, sta facendo la sua comparsa solo da pochi anni nel mondo occidentale e sta riscuotendo molto interesse grazie alla sua capacità di poter essere adattato alle più svariate situazioni. È stato utilizzato molto spesso per motivi economici e lavorativi, soprattutto dalle grandi aziende e multinazionali che ne hanno colto l’importanza strategica per migliorare i propri affari, predisponendo edifici, luoghi e ambienti in modo da trarne il maggior beneficio possibile, per raggiungere i loro obiettivi di business, benessere per i dipendenti e rendimento aziendale. Solo più tardi i benefici di questa disciplina hanno trovato interesse d’applicazione anche nelle abitazioni private e altri contesti. Gli spazi con cui entriamo in relazione sono molteplici - casa, uffici, palestre, spazi pubblici e privati, giardini, scuole, locali di ristoro e ricettivi - tutti portatori più o meno sani di Feng Shui. Giocano un ruolo chiave nel determinare il grado di rendimento e performance delle persone che li frequentano. Ma non solo: determinano anche l’armonia delle relazioni, lo stato di attaccamento o meno con il passato o il futuro, determinano la buona riuscita degli affari ed economica. Ecco perché, oggi più che mai, sapere che possiamo disporre di una disciplina tanto profonda, codificata e usata da millenni, ci mette nelle giuste condizioni di operare nel qui ed ora, agendo davvero in modo consapevole, proprio sul nostro corpo-casa e sugli spazi in generale.

Alcuni spunti
Dal posizionamento...
Una stanza posizionata e Est, può influenzare il primo figlio maschio della famiglia, se è un Est “sostenuto energicamente” sono ben favoriti l’espansione, la crescita, il dare inizio a progetti, al procreare e a tutto ciò a cui desideriamo dare inizio. Le disarmonie energetiche in questo settore potrebbero influenzare aspetti legati all’autoaffermazione, alla vitalità sessuale maschile, alla crescita, al movimento.
Solitamente l’Est è legato al colore Verde, questo colore favorisce la distensione, la tranquillità, la cooperazione, i rapporti sociali e l’amicizia.
... alla scelta dei colori
Quando si sceglie un colore per una stanza, occorre tener conto di molteplici aspetti e tutti contemporaneamente:
> L’orientamento dell’abitazione;
> L’affaccio della stanza in merito agli assi cardinali;
> le funzioni (utilizzo) della stanza;
> Le caratteristiche energetiche di quella stanza e delle persone che la utilizzeranno (calcoli molto complessi da fare);
> La sensibilità estetica del suo “abitante” (non snaturare il proprio istinto).
Ad esempio, in linea di massima, il bianco lucido e i colori “metallo” sono associati all’autunno, alle forme tonde, ai polmoni ed al naso. Favoriscono l’introspezione e portano verso il proprio interno. Tendono a calmare e ad acquietare , ottimo per una stanza di meditazione.

a cura DI VIOLA COMPOSTELLA
con la collaborazione dell' Architetto Simona Mitelli
Architetto specializzata
in Chue Style Feng Shui
A Bergamo e Brescia