Riguarda circa il 10% delle persone, in particolare donne, con un picco tra i 20 e i 50 anni. Si manifesta con fastidio e dolore addominale, gonfiore e distensione dell’addome, accompagnati da stipsi e/o diarrea, sintomi che in alcuni casi possono diventare anche molto debilitanti. È la colite, o più correttamente la Sindrome dell’Intestino Irritabile - (IBS – Irritable Bowle Syndrom), sindrome cosiddetta “funzionale”, spesso sottovalutata e di non facile diagnosi. 

Infezioni intestinali, uso prolungato di farmaci, reflusso gastroesofageo, stress, un mix di cause biologiche e psicologiche
Le cause sono diverse e, nella stessa persona, non c’è un unico fattore scatenante. Ci sono infatti fattori psicologici e biologici come la predisposizione e la suscettibilità individuale, le alterazioni della motilità del tratto digestivo, la sensibilità dei visceri, la percezione soggettiva del dolore, la flora batterica e le infezioni intestinali. A questo si possono aggiungere anche intolleranze e allergie alimentari, l’utilizzo cronico di farmaci (ad esempio anti-infiammatori e antibiotici) e lo stress. Non è certo una novità affermare che, a livello intestinale, abbiamo un “secondo cervello” in continua comunicazione con il nostro “primo cervello”. Questo legame fa sì che diversi eventi stressanti a livello psichico si riflettano sull’intestino e viceversa (problemi addominali che causano stress psicologico). La Sindrome dell’intestino irritabile è spesso associata ad altri disordini motori del tratto digestivo come la dispepsia funzionale e la malattia da reflusso gastroesofageo ma, anche, ad altre patologie come la celiachia.

Dolore o fastidio addominale per almeno un giorno a settimana
I sintomi sono definiti da criteri diagnostici internazionali, i “Criteri di Roma”, che affermano: il dolore o fastidio addominale deve essere ricorrente per almeno un giorno la settimana, in associazione ad almeno due dei seguenti aspetti: correlato all’evacuazione; correlato a modificazioni nella frequenza delle evacuazioni; correlato a modificazioni dell’aspetto delle feci. Altri sintomi possono essere: un’evacuazione difficoltosa (spinta eccessiva, sensazione di urgenza e di evacuazione incompleta), passaggio di muco, gonfiore o distensione addominale talvolta alternati.

La diagnosi? Per “esclusione”
La diagnosi non è semplice e si basa sulla classificazione dei sintomi per “esclusione”, dal momento che gli stessi sono presenti, ma non esistono malattie organiche specifiche che li giustifichino. Ci sono poi anche i sintomi definiti “di allarme” (insorgenza dopo i 50 anni di età dei sintomi sopraddetti, dimagrimento inspiegabile, anemia, sangue nelle feci, dolore che non migliora dopo l’evacuazione); in questo caso è necessario procedere con indagini più approfondite (ad esempio la colonscopia) sotto indicazione specialistica. Se i sintomi peggiorano in seguito all’assunzione di certi alimenti ci sono test diagnostici per escludere allergie oppure un malassorbimento. 

Prima cura: cambiare lo stile di vita
La strategia terapeutica per la sindrome dell’intestino irritabile si basa principalmente sul trattamento dei sintomi che riferisce il paziente, poiché spesso la causa scatenante è sconosciuta. L’approccio iniziale prevede su un’adeguata educazione alimentare e dello stile di vita, una corretta idratazione e attività fisica. Chi soffre principalmente di stipsi potrà utilizzare integratori, lassativi o procinetici a seconda del tipo di disturbo. In caso di diarrea sono utili probiotici (fermenti lattici), antibiotici non assorbibili (ad esempio rifaximina), anti-infiammatori intestinali (ad esempio mesalazina). Nei casi di meteorismo ed eccesso di gas intestinali sono utili enzimi digestivi, integratori a base di probiotici, piante carminative (camomilla, melissa, cumino), integratori a base di fibre e lassativi osmotici, farmaci antidiarroici, dieta di eliminazione di cibi “formanti gas” (ovvero che fermentano). In particolare è bene ridurre l’assunzione di bevande gassate, insalata a foglia larga (ad esempio lattuga), ortaggi (cavolfiore, piselli, broccoli), legumi (fagioli, ceci, lenticchie), evitare di masticare chewing-gum e mangiare la frutta dopo i pasti (è preferibile consumarla lontano).

Stomaco e intestino sempre più “sotto attacco”
L’intestino irritabile, così come le altre malattie gastrointestinali, sono sempre più diffuse nella società moderna. Perché? Le motivazioni sono diverse. Innanzitutto l’intestino è strettamente collegato alle strutture nervose che regolano la risposta allo stress e risente di un’alimentazione scorretta. Ci sono poi cause di natura costituzionale e di familiarità (in particolare gastrite e malattie da reflusso). Sono malattie purtroppo legate allo stile di vita del mondo occidentale. Basti ricordare che oggi il 44% degli italiani soffre di “bruciore di stomaco”; un dato incredibile che troppo spesso si sottovaluta dal punto di vista medico. Poiché tutti hanno mal di stomaco e di mal di stomaco, di solito, non si muore, si finisce per andare dal medico quando la situazione è già preoccupante. 

Diverse terapie non convenzionali si sono dimostrate efficaci, tra queste l’agopuntura, la terapia cognitivo comportamentale e le tecniche di rilassamento

A cura del dott. DOTT. NICOLA GAFFURI
Specialista in Gastroenterologia
Responsabile Unità di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Humanitas Gavazzeni Bergamo

 

Questo sito utilizza solo cookie tecnici per il funzionamento. Scegli "Chiudi" per accettare e proseguire