Un metodo antico per conoscersi meglio

Si chiama Enneagramma della personalità ed è un metodo di autoconoscenza che ha radici millenarie. Un percorso alla scoperta di sé, grazie al quale migliorare se stessi e le relazioni con gli altri. «Ciascuna/o di noi sviluppa un modo di vedere il mondo, a partire da una natura in parte ereditata e da esperienze vissute nell’infanzia, che diventa il nostro stile di personalità» spiega Mauro Vedovello, fondatore di Novevie, Scuola di Enneagramma nella Tradizione Narrativa.

«Nell’Enneagramma in particolare sono identificati nove differenti stili o enneatipi (che rappresentano nove distinti modi di pensare, sentire e agire e sono connessi a nove specifici percorsi di crescita). Ognuno di noi ha un enneatipo dominante che resta tale per tutta la vita, ma può intensificare le proprie caratteristiche o anche diventare più tenue. Scoprire il proprio enneatipo è il primo passo per una relazione con noi stessi (e con gli altri) che ci permetta di vivere una vita più soddisfacente».

Ma che cosa è in concreto l’enneagramma?
L’Enneagramma (dal greco ennea, nove, e gramma, disegno o scrittura) è un disegno circolare con nove punte, a ognuna delle quali corrispondono i nove stili di personalità.

E quali sono queste tipologie di persone?
Sintetizzando al massimo, in ordine da 1 a 9, c’è chi cerca la perfezione, chi vuole piacere, chi agisce per ottenere l’ammirazione degli altri, chi cerca connessione con il suo mondo interiore, chi è vorace di conoscenza, chi ha la mente perspicace ma è incline ad ansia e preoccupazioni, chi è alla continua ricerca di stimoli, chi cerca la verità e la giustizia, chi cerca pace e armonia.

E come fa un disegno ad aiutarci a conoscerci meglio?
L’Enneagramma della personalità è una sorta di “mappa” che mostra come l’ego (o personalità) funziona a tutti i livelli, nelle relazioni con gli altri e con noi stessi, in famiglia, sul lavoro, con i colleghi, con gli amici e nella nostra vita spirituale (ogni enneatipo si trova in rapporto dinamico con tutto l’enneagramma e in particolare con il tipo di fronte e quello vicino). Ma è dall’unione dell’Enneagramma con la Tradizione Narrativa che si ottengono i migliori risultati. La Tradizione Narrativa è un metodo di insegnamento e di indagine che promuove un’esplorazione aperta di ciascun enneatipo, attraverso l’ascolto delle storie personali dei rappresentanti di ogni enneatipo e attraverso la condivisione della propria visione interiore della realtà. I programmi della Tradizione Narrativa sono tenuti in un contesto di pratiche di auto-osservazione, meditazioni, esercizi di movimento e interazioni facilitate tra differenti enneatipi.

In quali ambiti può essere utile questo metodo?
L’Enneagramma è attualmente usato in diversi campi: business, educazione, psicoterapia, medicina, arti, cinema, vendite e legge. Per esempio, sempre più aziende lo usano sia per la formazione sia in occasione di cambi organizzativi. L’Enneagramma infatti fornisce indicazioni importanti per comprendere i reali motivi alla base del nostro comportamento in aree come la comunicazione, il lavoro di squadra, la leadership, la risoluzione dei conflitti e le relazioni.

La storia
Alcune ipotesi fanno risalire le origini dell’Enneagramma a un antichissimo strumento già presente 2000-4000 anni fa, tuttavia le prime tracce scritte si ritrovano nella tradizione dei Padri del Deserto e negli insegnamenti di Evagrio del Ponto (400 d.c.). I suoi più recenti sviluppi sono stati influenzati dal filosofo greco-armeno G.I. Gurdjieff che nel 1915 lo portò per primo in Occidente e da Claudio Naranjo, psichiatra americano nato in Cile, che lo “importò” negli Stati Uniti all’inizio degli anni Settanta. 

NOVEVIE
www.novevie.it
mauro@novevie.it

Via Broseta, 80A
24100 - Bergamo

a cura di FRANCESCA DOGI

Informazione Pubblicitaria

Food Education Italy

Bergamo salute insieme a Infosostenibile

Buon umore è salute!

Sorridi con Bergamo Salute e i simpatici Oscar&Wilde, i personaggi creati da Adriano Merigo per aggiungere un tocco di buon umore alla rivista... 

Adriano Merigo

Ultime news

Bergamo, il parco di Redona si trasforma nel regno del benessere


Una domenica di fine estate, un bel parco cittadino e 40 proposte, tutte da provare, che fanno bene al corpo, alla mente e al cuore: è Alimus Festival, manifestazione che domenica 16 settembre al parco Turani di Redona, a Bergamo, offre un viaggio tra gli operatori del benessere, le discipline sportive, i prodotti sani e sostenibili, le associazioni culturali e di promozione della Bergamasca. L’evento (dalle 9.30 alle 19, ingresso gratuito) è organizzato dalla scuola di shiatsu LAFONTE e dalla scuola Arti marziali Khawam, entrambe con sede in città, con la collaborazione dell’Aics – Associazione Italiana Cultura e Sport e con il patrocinio del Comune di Bergamo. È alla seconda edizione, dopo l’esordio nel giugno 2016 al Lazzaretto, con una nuova data, una nuova collocazione e un maggiore accento sui temi del benessere psico-fisico, della salute e della crescita personale.

La medicina narrativa nel percorso delle malattie croniche

Arriva anche a Bergamo la Medicina Narrativa, attraverso un importante Convegno che è stato organizzato dall’Associazione Bergamasca Stomizzati presso il suggestivo Auditorium San Sisto di Via Vittoria 1 a Colognola di Bergamo il 26/5 con inizio alle ore 8,30. La partecipazione è gratuita. Relatori saranno gli esperti Dr. Luigi Reale e Dr.ssa Eliana Guerra, invitati dalla stomaterapista del Papa Giovanni XXIII Viviana Melis.

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok Rifiuta