19_Page_31_Image_0001.jpg

I problemi uditivi si possono manifestare in maniera permanente o solo temporanea e affliggere persone di tutte le età. «Anche se la perdita dell'udito è una conseguenza naturale del processo di invecchiamento, è sbagliato pensare che riguardi soltanto le persone anziane. Infatti, più della metà delle persone ipoacusiche è al di sotto dei 65 anni e molti di loro sono addirittura bambini o giovani» spiegano Riccardo Marini e Carlo Cantù, audioprotesisti del Centro Medical Udito Bergamo. «Un'altra causa significativa dell'ipoacusia è data dall'eccessiva esposizione al rumore. Per questo, con l'aumento dell'inquinamento acustico e del rumore, l'età delle persone che soffrono di problemi uditivi è sempre più bassa».

Un problema sempre più diffuso e più "giovane"
Nella fascia di età oltre i 65 anni l'ipoacusia colpisce una persona su tre, rappresentando il problema più diffuso, secondo solo all'artrosi. Con il progressivo invecchiamento della popolazione, inevitabilmente, anche il problema della perdita di udito è ormai sempre più diffuso e lo sarà sempre di più. La vera sorpresa, però, è che anche tra i più giovani la sua incidenza è in costante aumento. Le cause? Il rumore, responsabile di più di un terzo dei casi di ipoacusia. «L'aumentata esposizione al rumore fa sì che l'età media delle persone ipoacusiche sia oggi più bassa rispetto a 30 anni fa» continua Marini. «Gli ambienti lavorativi dei paesi industrializzati sono ormai molto rumorosi e questo fa sì che quasi un lavoratore su tre, tra i 49 ed i 59 anni sia afflitto da perdita uditiva. Tra i giovanissimi, invece, si ritiene che l'aumento dei problemi uditivi sia imputabile in buona parte alla diffusione di dispositivi portatili e di riproduttori musicali come i lettori MP3»

Apparecchi acustici: un valido aiuto
Sebbene gli apparecchi acustici non siano in grado di restituire completamente l'udito, contribuiscono a migliorare la qualità della vita nella maggior parte dei casi. «Il 90% delle ipoacusie può trarre giovamento dall'utilizzo di un apparecchio acustico» spiega l'esperto. Il problema è che, secondo le statistiche, le persone con problemi d'udito aspettano in media sette anni prima di cercare aiuto e il 75% di coloro che potrebbero trarre beneficio da un apparecchio acustico non ne fa uso. Principalmente per imbarazzo, perché si vergognano. E questo nonostante oggi esistano apparecchi acustici sempre più discreti e "personalizzabili", sia nell'estetica sia nella tecnologia. Presso Medical Udito Bergamo è possibile trovare apparecchi acustici moderni, disponibili in una vasta gamma di modelli, stili e misure. «La loro tecnologia è frutto di un progresso costante, capace di rendere il suono sempre più chiaro e nitido. Non solo, oggi la maggior parte degli apparecchi è in grado di adattarsi alle caratteristiche individuali di ciascuna perdita uditiva, riuscendo così a rispondere alle necessità di tutte le fasce di età, dai neonati agli anziani» conclude Cantù.

Medical Udito Bergamo snc
Via A. Stoppani 7/a
24121 – BERGAMO
Tel. 035 271211
www.medicaluditobergamo.it
info@medicaluditobergamo.it

Informazione Pubblicitaria
a cura di Francesca Dogi

Food Education Italy

Bergamo salute insieme a Infosostenibile

Buon umore è salute!

Sorridi con Bergamo Salute e i simpatici Oscar&Wilde, i personaggi creati da Adriano Merigo per aggiungere un tocco di buon umore alla rivista... 

Adriano Merigo

Ultime news

Bergamo, il parco di Redona si trasforma nel regno del benessere


Una domenica di fine estate, un bel parco cittadino e 40 proposte, tutte da provare, che fanno bene al corpo, alla mente e al cuore: è Alimus Festival, manifestazione che domenica 16 settembre al parco Turani di Redona, a Bergamo, offre un viaggio tra gli operatori del benessere, le discipline sportive, i prodotti sani e sostenibili, le associazioni culturali e di promozione della Bergamasca. L’evento (dalle 9.30 alle 19, ingresso gratuito) è organizzato dalla scuola di shiatsu LAFONTE e dalla scuola Arti marziali Khawam, entrambe con sede in città, con la collaborazione dell’Aics – Associazione Italiana Cultura e Sport e con il patrocinio del Comune di Bergamo. È alla seconda edizione, dopo l’esordio nel giugno 2016 al Lazzaretto, con una nuova data, una nuova collocazione e un maggiore accento sui temi del benessere psico-fisico, della salute e della crescita personale.

La medicina narrativa nel percorso delle malattie croniche

Arriva anche a Bergamo la Medicina Narrativa, attraverso un importante Convegno che è stato organizzato dall’Associazione Bergamasca Stomizzati presso il suggestivo Auditorium San Sisto di Via Vittoria 1 a Colognola di Bergamo il 26/5 con inizio alle ore 8,30. La partecipazione è gratuita. Relatori saranno gli esperti Dr. Luigi Reale e Dr.ssa Eliana Guerra, invitati dalla stomaterapista del Papa Giovanni XXIII Viviana Melis.

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok Rifiuta