È tra le psicoterapie quella storicamente più radicata, una teoria e una tecnica fondata da Sigmund Freud che, guardata con sospetto o con entusiasmo dalla cultura, dalla psicologia e dalla psichiatria, secondo molte ricerche indipendenti in U.S.A. e in Europa continua a dare risultati a medio e lungo termine particolarmente efficaci nel cambiamento strutturale del paziente nevrotico e psicotico. Parliamo della psicoanalisi e delle psicoterapie a orientamento psicodinamico che da essa si sono sviluppate.

E lo facciamo con la dottoressa Daniela Maggioni, psicologa e psicoterapeuta di formazione psicoanalitica, dello “Studio Associato di Psicologia Clinica e Psicoterapia Maggioni” che, grazie alle differenti specializzazioni dei tre psicoterapeuti che lo costituiscono, offre da decenni cure di riconosciuta qualità in psicoterapia dell’adulto, dell’adolescente, del bambino e della famiglia. Inoltre, i dottori Maggioni svolgono supervisioni cliniche a Psicologi, Psicoterapeuti, Comunità e Istituzioni Psichiatriche e psicosociali.

Dottoressa Maggioni, cosa si intende per psicanalisi?
Il termine “psicoanalisi” si riferisce a una teoria della struttura e del funzionamento della personalità e a una specifica tecnica psicoterapeutica fondata da Sigmund Freud nel secolo scorso, imprescindibile riferimento culturale, scientifico e clinico non solo per gli psicoanalisti. La sua scoperta centrale, e quindi l’assunto di base della psicoanalisi, è l’inconscio dinamico: accanto e spesso in conflitto con il nostro Io cosciente e manifesto, dentro di noi agisce e vive una dimensione profonda e nascosta, sempre in attività, dove si sedimentano affetti, desideri, emozioni ed esperienze, a partire da quelle della prima infanzia, rimossi ma più potenti, a volte, delle parole e dei ricordi di cui siamo consapevoli. L’inconscio non è un luogo del cervello o della psiche, nessuna TAC può individuarlo, ma possiamo ricostruirne le tracce nei gesti inconsapevoli della vita quotidiana, nei sogni, nelle dimenticanze, nei lapsus. La terapia psicoanalitica non può cambiare il passato, ma può illuminarlo di senso, rimetterci in contatto con parti di noi dimenticate o trascurate, aprirlo a nuove possibilità invece che tenerlo imprigionato nelle pieghe dei nostri sogni, pensieri, sintomi e dolori.

Ma in particolare in cosa si distingue dagli altri approcci?
Lo psicoanalista è impegnato nella ricerca continua di una “verità” del singolo uomo, anti-ideologica, antiassolutistica, non generalizzabile; nel progetto -oggi realizzabile- di una teoria psicoanalitica che poggia sui dati neurofisiologici (si pensi ai neuroni specchio) dotato di un suo specifico campo di indagine, di una sua strumentazione teorica e di suoi metodi e tempi (la libera associazione, l’interpretazione, l’ascolto delle tracce dell’inconscio dinamico); nella sua formazione interminabile e nel ricorso alla propria analisi personale per una comprensione profonda della relazione con il suo paziente.

La psicoanalisi è uno metodo psicoterapeutico che si interroga sulle cause profonde del disagio soggettivo, cogliendo i diversi modi un cui l’inconscio si manifesta e cercando di rendere consce le cause della sofferenza. È molto diversa, quindi, ad esempio dalla psicoterapia cognitivo-comportamentale, in genere più breve, che si propone di individuare i pensieri ricorrenti e gli schemi disfunzionali d’interpretazione della realtà per sostituirli con convinzioni più funzionali.


Studio Ass. di Psicologia
Clinica e Psicoterapia
Dott.ri Daniela, Marcello
e Mattia Maggioni 
daniela.maggioni@inwind.it
via Broseta, 58 Bergamo
Tel./Fax 035 254294
Tel. 035 4373456
3474243690-3487722351

a cura di FRANCESCA DOGI
Informazione Pubblicitaria

 

Food Education Italy

Bergamo salute insieme a Infosostenibile

Buon umore è salute!

Sorridi con Bergamo Salute e i simpatici Oscar&Wilde, i personaggi creati da Adriano Merigo per aggiungere un tocco di buon umore alla rivista... 

Adriano Merigo

Ultime news

Bergamo, il parco di Redona si trasforma nel regno del benessere


Una domenica di fine estate, un bel parco cittadino e 40 proposte, tutte da provare, che fanno bene al corpo, alla mente e al cuore: è Alimus Festival, manifestazione che domenica 16 settembre al parco Turani di Redona, a Bergamo, offre un viaggio tra gli operatori del benessere, le discipline sportive, i prodotti sani e sostenibili, le associazioni culturali e di promozione della Bergamasca. L’evento (dalle 9.30 alle 19, ingresso gratuito) è organizzato dalla scuola di shiatsu LAFONTE e dalla scuola Arti marziali Khawam, entrambe con sede in città, con la collaborazione dell’Aics – Associazione Italiana Cultura e Sport e con il patrocinio del Comune di Bergamo. È alla seconda edizione, dopo l’esordio nel giugno 2016 al Lazzaretto, con una nuova data, una nuova collocazione e un maggiore accento sui temi del benessere psico-fisico, della salute e della crescita personale.

La medicina narrativa nel percorso delle malattie croniche

Arriva anche a Bergamo la Medicina Narrativa, attraverso un importante Convegno che è stato organizzato dall’Associazione Bergamasca Stomizzati presso il suggestivo Auditorium San Sisto di Via Vittoria 1 a Colognola di Bergamo il 26/5 con inizio alle ore 8,30. La partecipazione è gratuita. Relatori saranno gli esperti Dr. Luigi Reale e Dr.ssa Eliana Guerra, invitati dalla stomaterapista del Papa Giovanni XXIII Viviana Melis.

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok Rifiuta