Scoliosi un approccio mirato

Scoliosi un approccio mirato

La scoliosi idiopatica, cioè quella che colpisce i ragazzi in età dello sviluppo senza una causa apparente, riguarda circa il 2-3% degli adolescenti. Se non trattata tempestivamente e in modo appropriato il rischio è che peggiori causando gravi problemi estetici oltre che fastidi e mal di schiena (soprattutto in età adulta).

«La scoliosi è una patologia che richiede un’alta specializzazione e solo un lavoro d’équipe ben coordinato può permettere di ottenere risultati apprezzabili» osserva il dottor Giovanni Andrea La Maida, ortopedico dell’U.O. Complessa di Chirurgia Vertebrale e Scoliosi, consulente incaricato dell’Istituto Ortopedico Gaetano Pini di Milano, consulente di IRO Medical Center. «Fino a un po’ di tempo fa si pensava che si potesse solo evitare che peggiorasse. Oggi invece sappiamo che può essere migliorata (non però raddrizzata), a patto di seguire terapie mirate ed efficaci e di farle bene, con impegno e costanza» aggiunge Paolo Valli, fisioterapista, direttore di IRO Medical Center.

Dottor La Maida, come si può capire cosa fare e come farlo quando ci si accorge della presenza di una scoliosi?
Alla base di ogni percorso ci deve obbligatoriamente essere la valutazione dello specialista della scoliosi. A seconda dell’età del paziente, della maturità scheletrica e del tipo di curva, infatti, le scelte terapeutiche sono molto diverse. Se la scoliosi non è grave, non si è ancora nella fase di crescita forte ed è estremamente improbabile che creerà problemi in età adulta, si può decidere di fare un lavoro autonomo a casa sulla base di un programma specifico di esercizi stilato con il fisioterapista ed eseguire solo controlli periodici. Nei pazienti in pieno sviluppo puberale e con una scoliosi di una certa entità, invece, si può e si deve optare per un corsetto, associato a un programma di rieducazione. La scelta di un corsetto è spesso sofferta ed è proprio per questo che deve essere ben ponderata e ben condivisa con il giovane paziente innanzitutto e con la sua famiglia.

Che caratteristiche devono avere il corsetto e il programma di rieducazione per essere efficaci?
Il Centro IRO ha scelto di impostare un percorso molto strutturato che consente di agire con buona sicurezza sulle scoliosi evolutive. Il ragazzo viene visto dal tecnico ortopedico che, sulla base delle indicazioni specialistiche, effettuerà la rilevazione delle misure. Successivamente, dopo 10-15 giorni, viene fatta una prima prova e, infine, avviene la consegna del corsetto definitivo. Nel frattempo viene impostata la prima fase di rieducazione con esercizi che preparano la colonna vertebrale ad accoglierlo e per far sì che esso possa svolgere al meglio la sua funzione correttiva. Il coinvolgimento del ragazzo e dei familiari è di estrema importanza per scegliere con quale frequenza e impegno i programmi di esercizio possono essere impostati. Quando il corsetto è pronto si passa alla seconda fase del lavoro, da svolgere presso il centro o a casa, con esercizi di correzione, stabilizzazione e percezione posturale sia con corsetto sia senza. Il programma viene svolto per 2 o 3 mesi per poi essere nuovamente modificato. Lo specialista rivede il paziente in occasione del collaudo del corsetto e nei controlli a distanza sulla base di quanto stabilito in prima visita. Lo stretto controllo da parte dei fisioterapisti consente qualsiasi modifica al programma durante il percorso e fa sì che si possa mantenere sempre alto il livello di efficacia e di “sicurezza” rispetto all’evoluzione della curvatura.

IRO MEDICAL CENTER
www.centroiro.it
www.allenalasalute.it
Via del Donatore

Avis Aido 13
Azzano San Paolo
Tel. 035 536721

a cura di FRANCESCA DOGI

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

Food Education Italy

Bergamo salute insieme a Infosostenibile

Buon umore è salute!

Sorridi con Bergamo Salute e i simpatici Oscar&Wilde, i personaggi creati da Adriano Merigo per aggiungere un tocco di buon umore alla rivista... 

Adriano Merigo

Ultime news

Bergamo, il parco di Redona si trasforma nel regno del benessere


Una domenica di fine estate, un bel parco cittadino e 40 proposte, tutte da provare, che fanno bene al corpo, alla mente e al cuore: è Alimus Festival, manifestazione che domenica 16 settembre al parco Turani di Redona, a Bergamo, offre un viaggio tra gli operatori del benessere, le discipline sportive, i prodotti sani e sostenibili, le associazioni culturali e di promozione della Bergamasca. L’evento (dalle 9.30 alle 19, ingresso gratuito) è organizzato dalla scuola di shiatsu LAFONTE e dalla scuola Arti marziali Khawam, entrambe con sede in città, con la collaborazione dell’Aics – Associazione Italiana Cultura e Sport e con il patrocinio del Comune di Bergamo. È alla seconda edizione, dopo l’esordio nel giugno 2016 al Lazzaretto, con una nuova data, una nuova collocazione e un maggiore accento sui temi del benessere psico-fisico, della salute e della crescita personale.

La medicina narrativa nel percorso delle malattie croniche

Arriva anche a Bergamo la Medicina Narrativa, attraverso un importante Convegno che è stato organizzato dall’Associazione Bergamasca Stomizzati presso il suggestivo Auditorium San Sisto di Via Vittoria 1 a Colognola di Bergamo il 26/5 con inizio alle ore 8,30. La partecipazione è gratuita. Relatori saranno gli esperti Dr. Luigi Reale e Dr.ssa Eliana Guerra, invitati dalla stomaterapista del Papa Giovanni XXIII Viviana Melis.

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok Rifiuta