Il tumore della mammella. Si cura, si previene… si vive!

100.jpg
Mercoledì 20 Febbraio 2013 a Seriate presso l'Auditorium Biblioteca Gambirasio in Via Italia 58 convegno pubblico su: Il tumore della mammella. Si cura, si previene… si vive!
Utile prenotarsi!
Notevolissima l’adesione che stiamo ricevendo al convegno. L’iniziativa è gratuitamente aperta al pubblico.
Soprattutto, è aperta alle donne, alle donne di ogni età e, con loro, ai loro familiari

perché solo un’informazione corretta permette - come ci racconterà il Dott. Gerbasi, uno dei relatori - di affrontare con successo il tumore più frequente nel sesso femminile.
Il tumore al seno colpisce 1 donna su dieci nell'arco della vita. Rappresenta il 25 per cento di tutti i tumori che colpiscono le donne. In Italia, si stima che ogni anno vi siano oltre 30.000 nuovi casi.
Affrontarlo con successo, non significa solo curarlo: significa prevenirlo, anticiparlo con una diagnosi precoce, agire nel modo più efficace. Significa anche non farsene sopraffare sul piano psicologico ed emotivo posto che una cosa è certa: il tumore al seno può essere battuto!
Sulla donna il cancro della mammella ha un effetto devastante e non solo per questioni numeriche. Dice il Prof. Umberto Veronesi “Il tumore del seno è una malattia che incide profondamente anche nella psiche della paziente: dalla difficoltà di scoprirlo all’impatto con la diagnosi, dalla paura della mutilazione fisica e della perdita dell’immagine corporea femminile fino alle terapie farmacologiche e radianti, la storia di un cancro al seno segna in modo importante il vissuto personale di una donna. Per questo il rapporto medico-paziente deve diventare una componente fondamentale della cura senologica. Le terapie del futuro nascono dal bisogno di associare a una maggiore efficacia il rispetto dei risvolti psicologici e umani”.
La malattia colpisce, infatti, una parte del corpo strettamente connessa alla sfera della femminilità e della maternità. All’angoscia per la malattia, per i suoi possibili esiti, per la sofferenza, per il percorso travagliato e incerto di diagnosi e cura che si deve attraversare, si aggiunge quella per gli effetti che i possibili cambiamenti fisici potranno produrre sulla vita di relazione e su quella affettiva, compresa quella sessuale. Sicuramente, dopo una diagnosi di tumore della mammella, la vita non sarà più come prima per la donna e per le persone a lei care.
Eppure, a fronte dei diversi fattori di rischio per questa malattia, sono notevoli le possibilità di prevenzione e di diagnosi precoce, così come sono sempre più avanzate le tecniche terapeutiche che permettono di affrontarla.
Di tutto questo parleremo col Dott. Domenico Gerbasi, Responsabile dell’Unità Funzionale di senologia dell’A.O. Bolognini di Seriate, salito alla ribalta mondiale per avere ideato una tecnica chirurgica che riduce al minimo l’impatto estetico dell’intervento al seno, aumentandone l’efficacia.
Ne parleremo anche col Dott. Massimo Ciammella, Direttore dell’Unità Operativa di Ginecologia e Ostetricia dell’Ospedale Bolognini di Seriate.
Ne parleremo infine con la Dott.ssa Roberta Di Pasquale, Psicoterapeuta, Dottore di ricerca in Psicologia Clinica e delle Relazioni Interpersonali e Professore Aggregato presso l’Università degli Studi di Bergamo che al delicatissimo tema dell’impatto del tumore al seno sulla vita della donna sta dedicando ampie ricerche.
Ne parleremo soprattutto in termini semplici, chiari, comprensibili a tutti perché, come dicevamo… il convegno è aperto a tutti e deve rappresentare un momento di informazione e conoscenza, appunto, per tutti.
Come sempre saranno presenti le istituzioni. Non si limiteranno a portare il loro saluto ma porteranno indicazioni precise sul loro ruolo intorno a questo importante argomento per la vita della donna:
- Dott.ssa Mara Azzi Direttore Generale, ASL Bergamo
- Dott. Leonio Callioni Presidente della Conferenza dei Sindaci e del Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci della provincia di Bergamo
- Dott.ssa Silvana Santisi Saita Sindaco, Comune di Seriate
- Dott. Gabriele Cortesi Assessore alle Politiche Sociali
- Dott. Emilio Pozzi Presidente dell’Ordine dei Medici della provincia di Bergamo
- Dott.ssa Elianora Prevedoni Consigliere, Provincia di Bergamo
L’iniziativa si terrà con il patrocinio di:
- ASL di Bergamo
- Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci della provincia di Bergamo
- Comune di Seriate
- Ordine dei Medici della provincia di Bergamo
Per informazioni, ci si può rivolgere alla Segreteria di Politerapica - Terapie della Salute al numero: 035.298468 o all’indirizzo e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fonte: Ufficio Stampa Politerapice - Terapie della Salute
www.politerapica.it


Questo sito utilizza cookie

propri e di terze parti, per il funzionamento e la raccolta di dati anonimi sulle visite. Proseguendo si accetta l'uso dei cookie. Per dettagli e rifiuto dei cookie clicca qui

Approvo
Non mostrare più