Gli IOB partecipano alla Campagna Nastro Rosa

Logo Nastro Rosa 2014

Gli IOB partecipano alla Campagna Nastro Rosa…. e raddoppiano i “punti” di visite

Anche quest’anno gli Istituti Ospedalieri Bergamaschi aderiscono alla Campagna Nastro Rosa per la prevenzione del tumore al seno.

Obiettivo della Campagna che si svolge in tutto il mondo nel mese di ottobre è sensibilizzare un numero sempre più ampio di donne sull’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce dei tumori della mammella e informando anche sugli stili di vita sani da adottare.

Gli Istituti Ospedalieri Bergamaschi partecipano a questa importante iniziativa mettendo a disposizione per tutto il mese di ottobre circa 170 visite senologiche gratuite, rivolte alle donne che non rientrano nello screening per il tumore al seno (con età quindi inferiore ai 50 anni).

A Ponte San Pietro le visite faranno capo al dottor Bruno Cirelli, senologo e chirurgo dell’Unità di Chirurgia Generale e Oncologica del San Pietro diretta dal dottor Marco Cortinovis. Il referente dell’iniziativa per il Policlinico San Marco sarà invece il dottor Tommaso Savio, senologo e chirurgo dell’Unità di Chirurgia Generale e Oncologica del San Marco diretta dal dottor Stefano Olmi.

Da anni in prima linea nella Campagna con i due Policlinici, gli Istituti Ospedalieri Bergamaschi, per andare incontro alle numerosissime richieste delle donne bergamasche ed essere sempre più vicini al territorio, quest’anno raddoppiano le disponibilità e i “punti” di visite. Sarà infatti possibile sottoporvi a visite gratis anche presso Corpore Sano Smart Clinic (nuova e innovativa struttura sanitaria del Gruppo Ospedaliero San Donato presso il Centro Commerciale Le Due Torri di Stezzano), e il Centro Diagnostico di Treviglio, strutture che fanno sempre parte degli Istituti Ospedalieri.

Le neoplasie della mammella, in costante aumento, costituiscono oggi circa il 32% dei tumori femminili con 110 nuovi casi per anno ogni 100.000 donne. In provincia di Bergamo si registrano, ogni anno, 800 casi» osserva il dottor Savio. Oggi, però, grazie alla prevenzione, alla diagnosi precoce e a terapie sempre più mirate, è possibile, nella maggioranza dei casi, sconfiggere la malattia. «La prevenzione si basa su una serie di regole ed indicazioni che hanno lo scopo di ridurre la mortalità dovuta a questa malattia. In particolare la prevenzione primaria è volta a eliminare o ridurre l’esposizione ambientale ad agenti cancerogeni, modificando lo stile di vita. Questo, in particolare, significa contrastare obesità e sovrappeso, limitare il consumo di alcool, seguire una dieta a basso consumo di grassi animali, non fumare e fare attività fisica costante e regolare. La prevenzione secondaria, invece, si ottiene con la diagnosi precoce e la terapia delle lesioni pre-neoplastiche e per-invasive, possibile grazie allo screening mammografico e a campagne di sensibilizzazione della popolazione come questa».


Per prenotare è necessario rivolgersi esclusivamente alla Sezione LILT di Bergamo inviando una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o un fax allo 035 210409 col proprio nome ed un recapito telefonico per essere ricontattate, oppure telefonando allo 035 242117 dal lunedì al venerdì, dalle 9,00 alle 12,00. Le prenotazioni sono già possibili.

Questo sito utilizza cookie

propri e di terze parti, per il funzionamento e la raccolta di dati anonimi sulle visite. Proseguendo si accetta l'uso dei cookie. Per dettagli e rifiuto dei cookie clicca qui

Approvo
Non mostrare più