diga di gommma

Ha l’aspetto di un semplice foglio di lattice in gomma. Eppure è uno strumento di fondamentale importanza, in moltissimi trattamenti odontoiatrici, per garantire al paziente il massimo risultato e la massima sicurezza possibile. È la diga di gomma, tecnica introdotta in odontoiatria il 15 marzo 1864 dal dottor Sanford Christie Barnum, medico di New York. Da allora sono passati 150 anni. Le tecnologie hanno fatto passi da gigante rendendo le cure odontoiatriche sempre più efficaci, ciononostante quel “semplice” foglio di gomma (ovviamente cambiato nei materiali sempre più resistenti) è rimasto un elemento a volte decisivo (anche se non sempre e non da tutti usato) nel buon esito di un trattamento odontoiatrico. Ma perché è così importante? E come funziona? Lo abbiamo chiesto al dottor Andrea Vecchi, medico odontoiatra dello Studio Medico Odontoiatrico Vincenti e Vecchi, centro in cui l’elevata professionalità dello staff medico e gli alti standard qualitativi delle apparecchiature e delle tecnologie impiegate si uniscono a una grande attenzione alla sicurezza del paziente.

Dottor Vecchi, che vantaggi offre al paziente usare la diga di gomma?
Pulizia, sicurezza e sterilità. Crea il necessario isolamento del campo operatorio. Previene l’accidentale ingestione o inalazione di corpi estranei o sostanze chimiche (frammenti dentali, liquidi di lavaggio canalare, sostanze irritanti etc.) da parte del paziente. Impedisce la contaminazione batterica e con saliva e sangue. Infine, favorisce la visibilità del campo da parte del dentista e la tranquillità del paziente. In endodonzia e in conservativa come in altre branche dell’odontoiatria, lavorare in campo asciutto e isolato rappresenta non solo una facilitazione, ma anche una garanzia di successo a lungo termine.

Ma come si applica? Ed è dolorosa?
Assolutamente no, non presenta né rischi né dolore. La procedura prevede l’utilizzo di un foglio di gomma sul quale vengono praticati dei fori in corrispondenza dei denti che si vogliono isolare. I denti vengono fatti passare attraverso i fori e la diga viene fissata ai denti con appositi uncini metallici elastici e anatomici. Infine, un arco metallico o di plastica tende il foglio.

In quali casi si rivela utile?
È fondamentale nella fase di messa in opera di un restauro o di un’otturazione, indipendentemente dalla tecnica e dal materiale utilizzato. Resine e materiali adesivi sono reattivi e contaminabili dai fluidi orali, perchè avvenga la corretta adesione sul dente è indispensabile che il campo sia asciutto. Inoltre rappresenta uno strumento indispensabile nella rimozione di vecchie otturazioni.

STUDIO MEDICO ODONTOIATRICO VINCENTI E VECCHI
Via Don Luigi Palazzolo 13
24122 Bergamo
Tel. 035/238754
Fax 035/238754
info@studiovincentivecchi.it
www.studiovincentivecchi.it

a cura di FRANCESCA DOGI
Informazione Pubblicitaria

Buon umore è salute!

Sorridi con Bergamo Salute e i simpatici Oscar&Wilde, i personaggi creati da Adriano Merigo per aggiungere un tocco di buon umore alla rivista... 

Adriano Merigo

Questo sito utilizza cookie

propri e di terze parti, per il funzionamento e la raccolta di dati anonimi sulle visite. Proseguendo si accetta l'uso dei cookie. Per dettagli e rifiuto dei cookie clicca qui

Approvo
Non mostrare più

Ultime news

La medicina narrativa nel percorso delle malattie croniche

Arriva anche a Bergamo la Medicina Narrativa, attraverso un importante Convegno che è stato organizzato dall’Associazione Bergamasca Stomizzati presso il suggestivo Auditorium San Sisto di Via Vittoria 1 a Colognola di Bergamo il 26/5 con inizio alle ore 8,30. La partecipazione è gratuita. Relatori saranno gli esperti Dr. Luigi Reale e Dr.ssa Eliana Guerra, invitati dalla stomaterapista del Papa Giovanni XXIII Viviana Melis.

Bergamo si illumina di viola

19 maggio 2018: Porta San Giacomo a Bergamo, la Rotonda di San Tomè di Almenno San Bartolomeo, la Basilica Romanica di Santa Giulia di Bonate Sotto, il Monumento ai Caduti di Brusaporto e la Chiesa di San Michele di Chiuduno si tingono di viola. Giornata Mondiale delle Malattie Infiammatorie Croniche dell'Intestino: monumenti viola in 40 città, un convegno con i massimi esperti italiani e campagna social per comunicare meglio con i medici #VorreiCheIlMioMedicoSapesseChe

prof salute 2018 250px

Sfoglia Il professionista della salute su Issuu

prof citta 2018 250px

Sfoglia Il professionista della tua città su Issuu