24_Page_38_Image_0001.png

Esperienza più che ventennale, servizi personalizzati, tecnologia, atmosfera “familiare” ma con tutti i comfort alberghieri di un hotel di alto livello. E' con questo “biglietto da visita” che si presenta la nuova Residenza Anni Azzurri San Sisto di Bergamo, progetto pilota di “Anni Azzurri”, realtà che in Italia ha già realizzato oltre 40 case di riposo dedicate alla terza età, recentemente inaugurata.

«Questa residenza, che può ospitare 120 anziani con diversi livelli e condizioni di non autosufficienza parziale e totale, nasce per dare risposte efficaci a un’esigenza sempre più sentita nella realtà di oggi: l’assistenza agli anziani» spiega il direttore Johnny Vinella. «I ritmi di vita e la struttura della famiglia moderna non sempre consentono di assistere i propri membri anziani, soprattutto non più autosufficienti, tenendo costantemente conto di tutte le loro esigenze: cure mediche, sostegno nelle attività quotidiane, bisogni psicologici e relazionali. Il nostro impegno è far sentire ogni ospite come a casa propria, prendendoci cura di lui per tutto il tempo di cui ha bisogno, per brevi periodi, ad esempio dopo un intervento o una malattia acuta, oppure in modo definitivo nel caso di patologie croniche e invalidanti (particolare attenzione è dedicata anche alle demenze senili e alla patologia di Alzheimer)». Nella residenza la vita è organizzata secondo orari e modalità propri di una famiglia, così da creare continuità con i ritmi e i valori precedenti. «Per favorire il più possibile questo clima “familiare”, i parenti dell’ospite vengono coinvolti nel percorso del proprio caro, creando una sinergia che fa bene a entrambi. Questo è possibile anche grazie alla presenza fissa di un’assistente sociale il cui compito è proprio quello di agevolare le relazioni e far vivere questo delicato “passaggio” nel modo più sereno possibile». Un servizio personalizzato significa anche questo: mettere al centro la persona con tutto il suo mondo fatto di ricordi, affetti, abitudini. «Ovviamente la personalizzazione si riflette anche nel lavoro di assistenza e cura, seguito da un’équipe multiprofessionale (che comprende anche un medico palliativista e una caposala di rianimazione) che formalizza un Piano di Assistenza Individuale (PAI) su misura sulle esigenze assistenziali, terapeutiche e sociali della persona». Grande attenzione è dedicata, in particolare, alla riabilitazione (fisica e/o cognitiva) e al mantenimento e potenziamento delle capacità residue degli ospiti, con percorsi che comprendono fisioterapia, logopedia, psicologia etc. e si avvalgono delle nuove tecnologie, come quelle computerizzate che, attraverso giochi elettronici, permettono di monitorare i progressi nel tempo e calibrare i gradi di difficoltà. E non mancano nemmeno occasioni di svago e divertimento, come la tombola, gioco che aiuta ad allenare l’attenzione, sedute di clownterapia e pet therapy fino a lezioni dell’Università della Terza età.

 

RESIDENZA ANNI AZZURRI SAN SISTO
residenzasansisto@anniazzurri.it
www.anniazzurri.it
Via Colognola ai Colli, 8
Bergamo
Tel. 035 08641 800 131851

a cura di FRANCESCA DOGI
Informazione Pubblicitaria

Buon umore è salute!

Sorridi con Bergamo Salute e i simpatici Oscar&Wilde, i personaggi creati da Adriano Merigo per aggiungere un tocco di buon umore alla rivista... 

Adriano Merigo

Questo sito utilizza cookie

propri e di terze parti, per il funzionamento e la raccolta di dati anonimi sulle visite. Proseguendo si accetta l'uso dei cookie. Per dettagli e rifiuto dei cookie clicca qui

Approvo
Non mostrare più

Ultime news

La medicina narrativa nel percorso delle malattie croniche

Arriva anche a Bergamo la Medicina Narrativa, attraverso un importante Convegno che è stato organizzato dall’Associazione Bergamasca Stomizzati presso il suggestivo Auditorium San Sisto di Via Vittoria 1 a Colognola di Bergamo il 26/5 con inizio alle ore 8,30. La partecipazione è gratuita. Relatori saranno gli esperti Dr. Luigi Reale e Dr.ssa Eliana Guerra, invitati dalla stomaterapista del Papa Giovanni XXIII Viviana Melis.

Bergamo si illumina di viola

19 maggio 2018: Porta San Giacomo a Bergamo, la Rotonda di San Tomè di Almenno San Bartolomeo, la Basilica Romanica di Santa Giulia di Bonate Sotto, il Monumento ai Caduti di Brusaporto e la Chiesa di San Michele di Chiuduno si tingono di viola. Giornata Mondiale delle Malattie Infiammatorie Croniche dell'Intestino: monumenti viola in 40 città, un convegno con i massimi esperti italiani e campagna social per comunicare meglio con i medici #VorreiCheIlMioMedicoSapesseChe

prof salute 2018 250px

Sfoglia Il professionista della salute su Issuu

prof citta 2018 250px

Sfoglia Il professionista della tua città su Issuu