Dieta senza glutine. Attenzione all'effetto moda!

glutine

Solo per celiaci e intolleranti. Per tutti gli altri non apporta necessariamente benefici.
Tutte pazze per la dieta senza glutine. Sono sempre di più le star italiane e internazionali appassionate di questa dieta, ovvero il regime alimentare per celiaci che rischia di diventare una moda per chi celiaco non è. Una dieta che, a sentire i suoi seguaci, farebbe dimagrire ed essere più tonici. Ma ha davvero senso togliere il glutine dall’alimentazione per chi non soffre di celiachia? Facciamo chiarezza sull’argomento con l’aiuto della dottoressa Chiara Cortiana, biologa nutrizionista. 

 

Dottoressa Cortiana, innanzitutto, ci spiega di preciso che cosa è questo famigerato glutine?
Nel corso degli anni il glutine è diventato onnipresente nei discorsi riguardanti l’alimentazione e il corretto regime alimentare, spesso caratterizzato da una connotazione prettamente negativa. Il glutine è un complesso proteico presente in numerosi cereali di uso comune (frumento, kamut, farro, orzo, segale, spelta) dei quali costituisce buona parte della frazione proteica.

In quali casi può avere senso eliminarlo dalla dieta?
Ovviamente nel caso di pazienti celiaci. Una delle proteine che costituiscono il glutine è la prolamina che viene denominata gliadina nel caso del frumento: in soggetti predisposti una reazione avversa a questa molecola può provocare l’insorgenza di una patologia denominata celiachia. In un paziente celiaco l’ingestione di uno dei cereali sopra elencati provoca reazioni immunitarie abnormi dirette contro il glutine in essi contenuto. Durante queste reazioni gli anticorpi del paziente attaccano i villi intestinali portando progressivamente all’instaurazione di una situazione infiammatoria cronica della mucosa intestinale con graduale riduzione dei villi intestinali stessi e conseguente diminuzione della superficie (e quindi della capacità) di assorbimento dell’intestino. Se non curata la celiachia può provocare dissenteria, distensione addominale, alterazione dei parametri epatici, anemia, osteoporosi, ritardo nella crescita (nel caso in cui insorga in età infantile o pediatrica), astenia cronica e, nei casi più gravi, aborto, convulsioni, attacchi epilettici e adenocarcinoma (cancro intestinale). La diagnosi di celiachia viene effettuata tramite un prelievo ematico in cui vengono testati gli anticorpi specifici (antitransglutaminasi in primis) e, nel caso di positività agli anticorpi, tramite biopsia duodenale necessaria per valutare lo stato di conservazione dei villi intestinali e quindi la gravità della malattia. Per queste persone il glutine è “veleno” e deve assolutamente essere eliminato dalla dieta in modo totale. A questo scopo possono essere utilizzati cereali naturalmente privi di glutine come riso, quinoa, mais, amaranto, grano saraceno oppure utilizzare gli appositi prodotti senza glutine presenti in commercio. Ci sono poi alcuni pazienti che soffrono di un’intolleranza più lieve al glutine, definita gluten-sensitivity. In questo caso gli esami sierologici sono negativi e non può essere fatta una diagnosi di celiachia (gli anticorpi sono inferiori a 10 volte il limite massimo dell’intervallo di normalità).

Anche in questo caso è meglio evitarlo? In modo definitivo?
Nelle persone intolleranti, il glutine causa problemi digestivi o infiammazione intestinale, senza tuttavia raggiungere mai la gravità dei sintomi della celiachia. Perciò è necessario eliminare ogni traccia di glutine dalla dieta quotidiana per almeno 3-4 mesi prima di iniziare una graduale reintroduzione monitorando la reazione dell’organismo a dosi crescenti di gliadina. In molti casi risulta tuttavia necessario moderare sempre la quantità di glutine nella dieta giornaliera pur non dovendo attenersi alla totale esclusione come nel caso dei pazienti celiaci.

E per chi non soffre né di celiachia né di intolleranza? Non mangiare glutine può aiutare a perdere peso e sentirsi meno gonfi e meglio?
No. Se è vero che pazienti celiaci o sensibili al glutine devono evitare di introdurlo nell’alimentazione quotidiana è altrettanto vero che tutti coloro i quali non manifestano alcuna reazione immunitaria contro la gliadina possono consumare glutine con assoluta tranquillità. Il glutine infatti ha un elevato tenore proteico ed è spesso utilizzato come sostitutivo della carne nei regimi alimentari vegetariani. Senza contare che, come tutte le proteine, ha un forte potere saziante e quindi, al contrario di quanto a volte si pensa, può aiutare a perdere peso. È inoltre utilizzato come addensante nelle formulazioni farmacologiche in tavolette o pastiglie, nell’industria dolciaria per conferire viscosità e coesione ai prodotti da forno, mentre nella pasta serve a trattenere l’amido durante la cottura. La moda della dieta senza glutine è nata dal fatto che celiachia e ipersensibilità al glutine sono molto diffuse e si è di conseguenza fatta largo l'idea erronea che i prodotti senza glutine siano più sani degli altri. Falso. I prodotti senza glutine non sono obbligatoriamente più sani o meno calorici: spesso infatti l’alimentazione aglutinata, se non viene ben bilanciata, porta a un aumento di peso dovuto all’alto contenuto di grassi e zuccheri presenti in alcuni prodotti senza glutine. Inoltre con un’alimentazione rigorosamente priva di glutine non solo non si trae nessun beneficio, anzi si potrebbe incorrere in carenza di alcune vitamine importanti quali acido folico e ferro presenti invece nei cereali integrali (quindi con glutine).

a cura di ELENA BUONANNO
ha collaborato la DOTT.SSA CHIARA CORTIANA 
Biologa Nutrizionista

Questo sito utilizza cookie

propri e di terze parti, per il funzionamento e la raccolta di dati anonimi sulle visite. Proseguendo si accetta l'uso dei cookie. Per dettagli e rifiuto dei cookie clicca qui

Approvo
Non mostrare più